A cura del Dott. Oliviero Rossi – Oggi sono sempre più comuni diagnosi di presunte allergie-intolleranze alimentari, spesso effettuate sulla base di metodiche non scientifiche, non riproducibile e quindi non affidabili. Tutto ciò comporta problemi clinici non risolti, ma anche un notevole aggravio di costi per il paziente e per la società. Sulla base di tali test vengono infatti prescritte delle diete che non hanno alcuna base scientifica. Molto spesso vengono attribuite all’allergia alimentare tutta una serie di manifestazioni cliniche che nulla hanno a che vedere con l’allergia vera e propria. L‘intolleranza alimentare sempre più frequentemente viene indicata come causa di cefalea, stanchezza, aumento o perditaLeggi altro →